Newsletter CSR - N° 47

L’acqua minerale, una risorsa da tutelare con passione

Per noi di Sanpellegrino l’acqua minerale è lavoro, ma soprattutto passione. Franco Simoncini, direttore dello stabilimento di Levissima, ci racconta in un’intervista la sua personale esperienza.

Cosa rappresenta per te l’acqua minerale?

E’ da 17 anni che l’acqua minerale rappresenta il fulcro della mia vita lavorativa. Per me è una meraviglia geologica, preziosa come un diamante, purissima e di altissima qualità. Poter lavorare a contatto con delle sorgenti di acqua minerale, come quelle di Levissima, è qualcosa di incredibile, di cui avere il massimo rispetto.

Qual è la parte del tuo lavoro che ami di più?

Sicuramente è stare con le persone in linea di produzione. Un altro ruolo in cui mi sento particolarmente a mio agio è quello dell’ambasciatore dell’acqua minerale: quando incontro persone che non conoscono questo prezioso elemento, mi piace spiegarne le caratteristiche, le qualità e in cosa si differenzia dalle altre tipologie di acqua, come quella del rubinetto.

Ti ricordi la prima volta che ha visitato la fonte Levissima e cosa ti ha colpito maggiormente?

La prima volta che ho visitato la fonte Pozzaccio, una delle sorgenti di Levissima, è stata un’esperienza indimenticabile. Un suggestivo tunnel in acciaio conduce fino al cuore della montagna e, attraverso un vetro, è possibile scorgere l’acqua minerale che sgorga dalle rocce. Un connubio affascinante di tecnologia e natura, per tutelare una risorsa così pura, evitando qualsiasi tipo di contaminazione.

Daniela Murelli, Direttore Corporate Social Responsibility Gruppo Sanpellegrino 

Nestlé è partner di un’alleanza mondiale per affrontare i cambiamenti climatici

Dietro impulso di Nazioni Unite, organizzazioni non governative e istituzioni accademiche è nata Caring for Climate, una coalizione mondiale nata per trovare soluzioni sostenibili al cambiamento del clima

In un recente vertice sul clima delle Nazioni Unite tenutosi a New York, José Lopez - Nestlé Executive Vice President - ha ufficializzato il fatto che, come leader mondiale dell’alimentazione, anche Nestlé aderisce all’iniziativa mondiale Caring for Climate guidata dal Global Compact,  il Programma per l'Ambiente e la Convenzione quadro dell’ONU.

Il progetto rispecchia infatti gli impegni dell’azienda che riguardano il rispetto per la società in cui l’azienda opera, per l'ambiente e per le generazioni future. Per essere efficaci, ha spiegato José Lopez, il cambiamento climatico deve essere affrontato attraverso i canali di collaborazione e multi-stakeholder reciprocamente vantaggiosi.

Da anni Nestlé è impegnata per ridurre le emissioni di gas serra significative, utilizzare energie rinnovabili e migliorare l'efficienza energetica nei processi di produzione. Attraverso tali pratiche e le intese con i fornitori, gli agricoltori e i consumatori, per incoraggiare l'efficienza delle risorse e la gestione ambientale, Nestlé è stata riconosciuta nel corso degli anni come un leader del settore da molte organizzazioni e ONG, come Oxfam e il Dow Jones Sustainability Index.

Sanpellegrino lancia la campagna “Benessere Soggettivo” negli atenei italiani

Il Benessere Soggettivo rappresenta una dimensione fondamentale del benessere sociale ed è trasversale a tutti gli indicatori comunemente utilizzati per la misurazione del Welfare

Nel corso di un workshop tenuto recentemente all’Università di Milano-Bicocca, il Gruppo Sanpellegrino ha presentato ufficialmente la campagna di sensibilizzazione, che farà tappa nelle Università italiane, sul Benessere Soggettivo, ovvero la misurazione individuale del benessere sociale della persona.

Il punto di partenza di questa campagna sono i recenti dati del 2° Rapporto del Benessere Equo e Sostenibile di Istat e CNEL che danno l’immagine di un Paese che, dopo il crollo dell’anno scorso, mantiene sostanzialmente stabili i propri livelli di benessere percepito (35%), ma con importanti distinguo: il perdurare di un difficile contesto ha inciso notevolmente sul grado di soddisfazione rispetto alla propria vita in quelle fasce di popolazione che più erano ottimiste fino all’anno scorso. Soprattutto i giovani, tra i quali l’indice è calato di ben 4,5 punti.

Sanpellegrino da sempre ha la precisa responsabilità di raccogliere le sfide che nascono dallo scenario e trovare soluzioni sostenibili da proporre ai suoi consumatori, soprattutto perché opera nel mercato di un bene così prezioso per la salute, come l’acqua. Da questa considerazione nasce l’idea di questa campagna che ha lo scopo di spiegare i valori del benessere a misura di persona.

Nestlé Waters UK conquista il marchio “Zero Rifiuti”

Grazie alle politiche orientate alla sostenibilità ambientale con la sua fabbrica di Buxton, Nestlé Waters UK ha ottenuto il prestigioso riconoscimento destinato alle aziende più virtuose

Grazie a un’attività importante sul fronte del riciclo con lo stabilimento di Buxton e la sede di Rickmansworth, Nestlé Waters UK ha risparmiato alle discariche 500 tonnellate di rifiuti e quella parte che non poteva essere avviata a riciclo è stata impiegata per produrre energia.

Carta, plastica, vetro e pallet di legno utilizzati per produrre nuovi oggetti da immettere nel commercio ma anche da reimpiegare nella produzione dello stabilimento: tutte queste azioni hanno permesso all’azienda di ottenere il marchio “Zero-rifiuti”. In più, lo stabilimento ha ottenuto la certificazione di “eccellente” dal Building Research Establishment Environmental Assessment Methodology.

Nestlé Waters ha anche incoraggiato il riciclo nella comunità Buxton locale. Nel giugno 2013 ha lanciato un piano per educare i bambini della scuola a vedere i rifiuti come una risorsa. Alla fine del 2013 sono stati raccolti quasi 8.000 kg di rifiuti, e Nestlé Waters UK prevede ora di allargare il progetto al di fuori del Buxton.