Salta al contenuto principale
Scroll to explore
Ambiente e Territorio

Perché è importante la biodiversità

Perché è importante la biodiversità
Perché è importante la biodiversità
Questo Articolo è

La questione ambientale sta rivestendo, negli ultimi anni, un ruolo sempre più centrale nell'interesse del singolo e della collettività. In particolare, la salvaguardia della biodiversità e del capitale naturale rappresenta una delle priorità non solo all’interno delle strategie internazionali di organizzazioni governative e dei singoli Stati, ma anche in ambito privato.

Il valore della biodiversità

La tutela della biodiversità è importante anche perché è fonte per l’uomo di beni, risorse e servizi: i cosiddetti servizi ecosistemici. Di questi servizi, che gli specialisti classificano in servizi di supporto, di fornitura, di regolazione e culturali, beneficiano direttamente o indirettamente tutte le comunità umane, animali e vegetali del pianeta. Gli stessi servizi hanno un ruolo chiave nella costruzione dell’economia delle comunità umane e degli Stati. Ad esempio, la biodiversità vegetale, sia nelle piante coltivate sia selvatiche, costituisce la base dell’agricoltura, consentendo la produzione di cibo e contribuendo alla salute e alla nutrizione di tutta la popolazione mondiale. La perdita e l’impoverimento della biodiversità può quindi avere impatti pesanti sull’economia e sulle società, riducendo la disponibilità di risorse alimentari, energetiche e medicinali.

Perché è importante tutelare gli ambienti ecosistemici

La perdita di biodiversità contribuisce all’insicurezza alimentare ed energetica, aumenta la vulnerabilità a disastri naturali come inondazioni o tempeste tropicali, diminuisce il livello della salute all’interno della società, riduce la disponibilità e la qualità delle risorse idriche e impoverisce le tradizioni culturali. Ciascuna specie, poco importa se piccola o grande, riveste e svolge un ruolo specifico nell’ecosistema in cui vive e, proprio in virtù del suo ruolo, aiuta a mantenerne gli equilibri vitali. Anche una specie che non è a rischio su scala mondiale può avere un ruolo essenziale su scala locale: la sua diminuzione avrà un impatto per la stabilità dell’habitat. Una maggiore diversità di specie assicura la naturale sostenibilità di tutte le forme di vita: un ecosistema in buona salute è capace di sopportare meglio e reagire in modo efficace ad un disturbo proveniente dall’esterno.

Cosa fa il Gruppo Sanpellegrino per promuovere la biodiversità

Promuovere la biodiversità, aiutare a ridurre l’impatto ambientale e tutelare la purezza naturale delle acque è parte della missione del Gruppo Sanpellegrino, impegnato nel gestire le risorse idriche in maniera sostenibile, monitorandone attentamente l’uso e collaborando con altre realtà per assicurare il rispetto e la tutela del capitale naturale.

 

Un esempio concreto di questo impegno ha luogo presso la tenuta di Panna, nel cuore del territorio toscano dove sgorga e viene imbottigliata Acqua Panna, diventata un laboratorio di ricerca a cielo aperto sulla biodiversità grazie a un accordo tra Acqua Panna e Federparchi - associazione che riunisce oltre 160 aree protette per la conservazione, valorizzazione e promozione del patrimonio naturalistico e culturale d’Italia. Annunciato il 21 ottobre 2020 dall’Amministratore Delegato Sanpellegrino Stefano Marini e dal Presidente di Federparchi Giampiero Sammuri, il progetto “La Fonte della Biodiversità di Acqua Panna” riunisce i ricercatori di alcune prestigiose Università toscane per svolgere il monitoraggio e il censimento della flora e della fauna da salvaguardare all’interno della tenuta di 1300 ettari che circonda Villa Panna. Il risultato principale sarà uno studio che verrà condiviso con le amministrazioni locali in modo da disporre degli strumenti per gestire sempre meglio questo territorio di grande ricchezza naturalistica e paesaggistica. Federparchi, in particolare, studierà le principali modalità di conservazione e valorizzazione, che consentiranno di comprendere meglio le future vocazioni di quest'area, che dovrà essere sempre più al servizio del territorio, con aperture programmate a studenti, ricercatori ed esperti che ne continuino ad analizzare le peculiarità.

 

Il progetto rappresenta un ulteriore passo avanti nell’impegno dell’azienda a favore della sostenibilità ambientale del territorio, nel solco della cura attenta che da anni il Gruppo dedica all’impatto dell’attività agricola, allo sviluppo delle aree boschive e al controllo della popolazione di animali che transitano per la tenuta. Il laboratorio rappresenta anche un progetto di sostenibilità culturale che ha l’obiettivo di portare la biodiversità del territorio toscano in tutto il mondo, come già fa Acqua Panna con il suo inconfondibile gusto toscano.

Articolo successivo