Salta al contenuto principale
Scroll to explore
Ambiente e Territorio

Logistica sostenibile: cos'è e perché è importante?

Logistica sostenibile: cos'è e perché è importante?
Logistica sostenibile: cos'è e perché è importante?

Logistica sostenibile: definizione

La logistica sostenibile, o logistica green, si riferisce all'insieme di politiche e misure che rendono possibile lo sviluppo di attività imprenditoriali limitando l'impatto ambientale. Esse possono dipendere dall'energia che viene utilizzata, dall'occupazione del suolo, dal consumo idrico o dalle emissioni prodotte. A livello aziendale, una logistica sostenibile richiede in ambito distributivo un adeguamento dei processi e in ambito intralogistico un cambio di configurazione infrastrutturale, dei sistemi, della gestione delle flotte e dello stoccaggio delle merci.

L'importanza della logistica sostenibile

Governare il cambiamento climatico è un tema sempre più sentito dalle aziende, che si deve tradurre in attenzione all’impatto generato dalle emissioni climalteranti dovute a vari gas, tra cui CO2, metano e fluorati, meglio noti come gas “CO2 equivalenti” (CO2e). L’ultima stima dell’ITF (International Transport Forum) nel suo “Outlook 2019” valuta in 2,9 Gton (miliardi di tonnellate di CO2e) il valore ad oggi del trasporto merci, suddiviso tra Road (62%), Sea (27%), Air (6%), Rail (3%) e Fluviale (2%). Un dato in antitesi rispetto agli obiettivi stilati all’interno dell’Accordo di Parigi (2015) riguardanti la riduzione di emissione di gas serra per contenere al di sotto dei 2°C l’aumento della temperatura globale. Per questo, è importante il tema della “decarbonizzazione” del trasporto e puntare sempre più su una logistica sostenibile.

Quali sono i mezzi di trasporto che non inquinano?

Oltre ad adottare sempre più metodi di trasporto su rotaia, un modo facile per essere più sostenibili a livello logistico è quello di svolgere azioni sui veicoli che effettuano il trasporto su gomma. Utilizzare ad esempio camion ad alta classificazione euro (4, 5 e 6) porta ad una consistente riduzione dei consumi di gasolio e di emissioni di CO2 per chilometro percorso. Per quanto riguarda la distribuzione urbana, è consigliabile utilizzare mezzi commerciali a trazione elettrica i quali non immettono sostanze nocive e non creano inquinamento acustico. Negli ultimi anni, anche per i veicoli pesanti, sono nati propulsori alimentati a combustibile non convenzionale (tipo biogas, metano compresso, metano liquefatto) che oltre ad abbattere drasticamente le emissioni raggiungono tranquillamente prestazioni elevate con una rumorosità molto contenuta.

L'impegno di Sanpellegrino per una logistica sostenibile

Per le aziende adottare comportamenti responsabili per ridurre le emissioni di CO2 durante i processi di distribuzione è fondamentale, al fine di lasciare in eredità alle prossime generazioni un pianeta sostenibile. Nella logistica il Gruppo Sanpellegrino persegue una strategia sistemica che si concretizza in:

  • Produzioni più vicine ai consumatori con modello multisourcing
  • Utilizzo del trasporto su rotaia e ottimizzazione dei carichi
  •  Scelta di operatori logistici con mezzi all’avanguardia e a basso impatto ambientale
  • Educazione degli autotrasportatori

Da sempre il Gruppo Sanpellegrino privilegia l’utilizzo dei trasporti su rotaia grazie ad un rapporto consolidato con Mercitalia Logistics SpA, tanto che l’azienda costituisce il più grande cliente diretto di Trenitalia nel largo consumo. Il Gruppo inoltre analizza i flussi di trasporto che coinvolgono i prodotti, partendo dalle uscite dagli stabilimenti produttivi fino all’arrivo dei prodotti ai clienti.

Nel 2019 il Gruppo Sanpellegrino ha avuto un ottimo risultato per quanto riguarda la percentuale dei km percorsi tramite mezzi LNG (Gas Naturale Liquefatto), passando dal 6% del 2018 al 12,3% del 2019. L’aumento è guidato dall’aumento dei Km LNG realizzati dal partner Koiné, passando dal 5,3% al 26,2% dei volumi totali. Dai primi mesi del 2019 il Gruppo ha rafforzato il proprio impegno per la sostenibilità ambientale grazie all’utilizzo di una nuova flotta formata al 100% da veicoli alimentati a LNG per il trasporto dell’acqua minerale S.Pellegrino dallo stabilimento di Ruspino all’hub di Madone, dal quale l’acqua viene poi distribuita in oltre 150 paesi. Un progetto innovativo, realizzato con il supporto logistico del Gruppo Koiné e la tecnologia dei veicoli Scania, che permette al brand di risparmiare 500 tonnellate di anidride carbonica ogni anno su una tratta di 30 km, tagliando un nuovo importante traguardo a favore della sostenibilità.

 

Ti potrebbero interessare i nostri approfondimenti sul riciclo del PET e l’imbottigliamento dell’acqua minerale

Articolo successivo