Salta al contenuto principale
Scroll to explore
Idratazione & Gusto

Bere tanta acqua: benefici di bere molto e rischi

Bere tanta acqua: benefici di bere molto e rischi
Bere tanta acqua: benefici di bere molto e rischi
Questo Articolo è

Una corretta idratazione è indispensabile per la salute dell’organismo. Se è vero che in alcuni periodi dell’anno, come in estate, è consigliato bere molta acqua per reintegrare i liquidi ed i minerali che si perdono maggiormente a causa del caldo e delle temperature elevate, bisogna fare attenzione al fatto che, se beviamo troppa acqua, ci potrebbero essere delle controindicazioni per il nostro cervello e per il nostro corpo. Ad esempio, bere più acqua di quanta può essere processata dai reni può sbilanciare i livelli di sodio nel sangue.

Cosa significa bere troppa acqua?

Bere tanta acqua è un fenomeno che viene indicato con il termine iperidratazione e si verifica quando l’organismo assorbe più acqua di quanta non ne perda. Generalmente, le persone possono sviluppare iperidratazione quando presentano una patologia che riduce la capacità dell’organismo di espellere l’acqua o che aumenta la tendenza dell’organismo a trattenere acqua.

Alcuni soggetti, come gli atleti che bevono tanta acqua per evitare la disidratazione e le persone con determinati problemi ai reni, possono sviluppare l’iperidratazione più facilmente. Inoltre, è possibile che si assuma una quantità eccessiva di acqua a causa di un disturbo psichiatrico che prende il nome di polidipsia psicogena.

Bere troppa acqua fa male? Facciamo chiarezza sull'iperidratazione

I reni filtrano dal sangue l'urea che viene eliminata con l'urina, un liquido contenente acqua in cui sono disciolte sostanze di rifiuto e una parte dei nutrienti in eccesso. Essi però possono elaborare solo 800-1.000 ml di acqua all'ora. Se si beve tanta acqua velocemente, i reni non possono più adempiere la loro funzione e le sostante in eccesso non vengono più filtrate ma finiscono all’interno delle cellule del nostro corpo. In questo modo, bere molta acqua può portare all’iperidratazione.

 

Le cellule del nostro corpo, contenenti una soluzione accuratamente bilanciata di sodio e acqua, in caso di iperidratazione tendono a gonfiarsi a causa dell’eccesso di acqua. La maggior parte di esse può gestire il gonfiore in una certa misura, poiché i tessuti molli e flessibili come il grasso e i muscoli possono allungarsi. Ciò però non avviene in altre parti del corpo che non hanno elasticità, come il cranio in cui è contenuto il cervello. Proprio per questo motivo le cellule cerebrali sono particolarmente suscettibili all’iperidratazione e alla riduzione dei livelli di sodio nel sangue. Quando l’iperidratazione si sviluppa rapidamente, possono insorgere vomito e difficoltà di equilibrio.

Quando bere acqua e quanti litri si possono bere al giorno

Non esistono quantità suggerite di acqua da bere in assoluto, ma possiamo dire che per restare idratatati senza esagerare è sufficiente bere circa 2-2,5 litri di acqua al giorno. La maggior parte di questa quantità deriva direttamente dall’acqua, ma una parte di essa può essere introdotta anche attraverso il cibo solido e alcune bevande come the, centrifugati e succhi di frutta. I 2-2,5 litri totali al giorno sono una stima approssimativa che dipende da diversi fattori come età, sesso, peso, altezza, livello di attività fisica e temperatura/clima.

 

Scopri di più sui benefici di bere acqua ricca di magnesio per l’organismo!

Come bere acqua in modo corretto: 10 consigli per una corretta idratazione

Per ricordarsi di bere la giusta quantità di acqua al giorno, così da prevenire i disturbi legati alla disidratazione o all’iperidratazione e non bere troppa acqua, è possibile seguire 10 utili suggerimenti, da applicare nel corso della giornata:

- Calcola quanta acqua bere in base alle tue esigenze. La quantità di acqua varia a seconda del peso, dello stato di salute, del clima in cui si vive e dell’attività fisica che si compie. L’assunzione, dunque, va calcolata anche secondo questi parametri.

- Bere tanta acqua appena svegli. Per recuperare subito i liquidi persi attraverso la respirazione durante le ore di sonno, è consigliato bere un bicchiere d'acqua appena svegli, prima di colazione. Potrebbe essere utile tenere il bicchiere sul comodino.

- Segui la regola degli 8 bicchieri al giorno. La quantità indicativa di acqua da bere durante la giornata, secondo gli esperti, è di 8 bicchieri al giorno, da ripartire nell'arco della giornata. Quando bere acqua? L'ideale sarebbe distribuire 4 bicchieri al mattino e altri 4 tra pomeriggio e sera.

- Bevi poco a poco. Non c’è alcun motivo per bere 2-3 bicchieri d’acqua tutti d’un fiato, anche perché i reni dovranno nel caso fare gli straordinari. La scelta migliore è non bere tanta acqua in un colpo solo, ma fare un sorso d’acqua ogni 15 minuti: questo aiuta il corpo a rimanere idratato e regolare i processi metabolici.

- Bere acqua durante i pasti. Bere sempre durante i pasti e gli spuntini può aiutare a sentirsi anche più sazi e mangiare più lentamente.

- Tieni l’acqua sempre in vista. Se si tende a guardarla ci si ricorda di berla. Per questo è opportuno avere sempre sulla propria scrivania o nel luogo in cui si lavora sempre una bottiglia d’acqua a vista d’occhio.

- Mangia alimenti ricchi di acqua. Frutta e verdura sono alimenti con un alto contenuto di acqua e rappresentano un modo intelligente per bere molta acqua e aumentare l'assunzione di acqua giornaliera. Le migliori opzioni sono anguria e fragole, che contengono mediamente il 92% di acqua.

- Bere sempre tanta acqua mentre ti alleni. Sotto sforzo il corpo perde molta acqua e non ha senso recuperare i liquidi perduti bevendo in una sola volta una grande quantità d’acqua. Anche in questo caso è opportuno bere poco per volta e farlo prima durante e dopo un’attività fisica.

- Scarica un’app per ricordarti di bere. Esistono diverse applicazioni mobile che non solo forniscono suggerimenti su come aumentare l'assunzione di acqua, ma anche monitorano l’abitudine e ricordano di bere.

- Prova l'acqua frizzante. Se non bere molta acqua può dipendere dalla sua mancanza di sapore, un utile suggerimento può essere quelli di bere acqua frizzante: l'acido carbonico contenuto nelle "acque con le bollicine" come l’acqua S.Pellegrino stimola i recettori presenti nel cavo orale dando una sensazione dissetante, di freschezza e di istantaneo benessere.

Altre domande sull'acqua e l'idratazione: verità e falsi miti

Sono numerosi i benefici di bere acqua. Di corretta idratazione si parla tanto, ma spesso vengono fornite informazioni non corrette, capaci di generare false credenze. Scopriamone alcuni:

Si può bere acqua durante i pasti? Fa bene o fa male?

Non è vero che l’acqua minerale deve essere bevuta fuori dai pasti. Anzi, assumere una quantità superiore a mezzo litro e bere molta acqua durante il pranzo o la cena, favorisce i processi digestivi.

Bere tanta acqua fa ingrassare?

L'acqua non contiene calorie e non fa ingrassare. Le variazioni di peso dovute all'assunzione e all'eliminazione con urine e sudore sono temporanee.

L’acqua frizzante fa ingrassare? Leggi di più anche sui falsi miti sull’acqua frizzante!

 

Bere molta acqua fa dimagrire?

Bere tanta acqua aiuta a dimagrire, ma ciò non dipende dai minerali o dagli elementi contenuti in un’acqua: una corretta idratazione aumenta il volume gastrico e può indurre un immediato senso di pienezza. In sintesi: bere tanta acqua porta a raggiungere il senso della sazietà in anticipo, ma non si bruciano calorie.

Acqua e limone fa dimagrire?

Assumere acqua e limone non fa perdere peso, in quanto si tratta di una bevanda che non ha proprietà snellenti.

Articolo successivo